Spread the love

Ancora un altro episodio denunciato ai Carabinieri di Sora (FR), sulla scorta delle precedenti segnalazioni fatte da persone vittime del “Truffatore dello Specchietto”. 

Nella prima settimana del mese di marzo era stato bloccato e denunciato un soggetto dell’hinterland napoletano che aveva simulato un incidente con l’autovettura condotta da un giovane sorano. In quella circostanza credeva di essere riuscito a raggirarlo e che stessero andando al bancomat per prelevare i 350 €uro che aveva richiesto, invece il giovane aveva intuito di essere oggetto di un tentativo di truffa e, adducendo di chiamare la madre per chiedere i soldi, aveva invece chiamato i Carabinieri. Al telefono con l’operatore della Centrale Operativa di Sora, avevano concordato di recarsi presso il bancomat in centro a Sora dove, invece che i familiari, si erano presentati i militari.

Purtroppo, l’ultima delle vittime individuate dai Carabinieri non è riuscito a rendersi conto allo stesso modo di quello che gli stava accadendo. Si tratta di un 63enne di Isola del Liri che, mentre percorreva la strada tra Sora e Isola, descrive così l’accaduto “giunto all’altezza dell’incrocio, notavo che era presente una fila di autovetture parcheggiate sul mio lato destro, al di fuori della sede stradale e, nel superarle, udivo un forte rumore provenire dall’esterno della mia autovettura”. Certo che nulla potesse essergli accaduto e che il rumore non si riferisse alla sua autovettura aveva continuato la marcia salvo poi essere rincorso ed affiancato da un SUV Scuro, a bordo del quale c’erano, questa volta, due persone che sono riuscite a farsi consegnare 150 €uro dopo una lunga trattativa tesa ad evitare che venisse fatta la c.d. “denuncia all’assicurazione”.

I fatti denunciati si riferiscono a Ottobre 2022 e, pur essendosi reso poi conto di quello che era accaduto, soltanto la diffusione della notizia di altri fatti analoghi lo ha convinto a presentarsi ai Carabinieri e a raccontare quanto successo.

Salgono così a 4 gli episodi accertati dai Carabinieri della Stazione di Sora che si riferiscono a questo tipo di reato ma il sospetto è che prima che vi fosse l’identificazione e la denuncia dei primi del mese, gli episodi siano stati molti di più. Intanto i Carabinieri di Sora hanno diffuso l’effige fotografica della persona identificata alle Compagnie Carabinieri del circondario. Si rinnova  l’invito alle vittime di questo reato a recarsi presso le caserme dell’Arma per presentare denuncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights