Spread the love

La scorsa notte, ad Anagni  (Fr), i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia unitamente ai Carabinieri della Stazione di Piglio hanno arrestato un 27enne che ha reagito con violenza nei confronti dei militari che lo stavano controllando in quanto autore di un’aggressione nei confronti del padre 66enne. I Militari per immobilizzarlo, sono stati costretti a ricorrere al “taser” in dotazione.

La vicenda iniziava nella serata precedente, quando un uomo segnalava ai Carabinieri di essere stato vittima di aggressione, lungo la via Anticolana loc. Badia, da parte di suo figlio il quale si era anche impossessato di un coltello prelevato da un ristorante della zona dandosi alla fuga. La vittima subito soccorsa e posta in sicurezza dai Militari, rifiutava il ricorso a cure mediche e riferiva che l’aggressione era scaturita, per futili, da un evidente stato di disagio vissuto dal figlio.

I Carabinieri dopo aver rintracciato il giovane, nonostante i tentativi di persuasione, venivano  aggrediti con spintoni, calci e pugni.  A questo punto, dopo aver ammonito l’esagitato, come da procedure previste per tali casi, i militari si sono visti costretti a fare uso del “taser” in dotazione, riuscendo così a immobilizzarlo.

Dopo l’intervento del   personale  sanitario, che  verificava  il buono stato di salute dell’uomo colpito dalla scarica elettrica,    veniva  stato  trasportato presso l’Ospedale di Frosinone dove è stato ricoverato in conseguenza del forte stato di agitazione. Anche i militari sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari  avendo riportato lievi lesioni.

Al termine delle formalità l’aggressore  è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Stamattina l’arrestato è comparso dinanzi al Giudice del Tribunale di Frosinone che ha convalidato l’operato della Polizia Giudiziaria.

È obbligo rilevare che l’arrestato   è, allo stato, solamente indiziato di delitto, e la  sua  posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights