Spread the love
Quarantacinque anni fa venne eletto Papa Karol Wojtyla che assunse il nome di Giovanni Paolo II ed il cui pontificato è stato il terzo più lungo della storia dopo quello di Pio IX e di San Pietro.
Non solo.
Degna di memoria è stata la sua specifica azione politica e diplomatica contro il comunismo; l’abbattimento del muro di Berlino e il tentativo di riavvicinare i giovani alla religione anche attraverso l’istituzione delle “Giornate Mondiali della Gioventù”; numerose sono state poi le beatificazioni di Santi e di Beati più degli altri Papi.
Il 13 maggio 1981 Giovanni Paolo II fu vittima di un attentato a Piazza San Pietro al quale fortunatamente riuscì a sopravvivere.
La sorella morte lo colse a Roma il 2 aprile2005.
Fin qui la notizia di un Papa gigante amato da tutti specialmente dai giovani.
A Piglio Karol Wojtyla è venuto più volte a passeggiare di nascosto nei prati in località San Biagio e la sua presenza in quel luogo ha lasciato la testimonianza di come la sintonia tra cammino interiore ed esteriore possa elevare l’uomo a Dio e farne una persona matura e felice.
Papa Vojtyla, un anno prima della sua scomparsa terrena, (2 Aprile 2005), aveva dato testimonianza vivente dei suoi legami con le bellezze naturali, scegliendo un angolo sconosciuto di Piglio, le pendici dei Monti Ernici, per pregare intensamente in una tenda e contemplare le bellezze della natura.
In ricordo di queste visite di Wojtyla a Piglio in località San Biagio sono state installate: una statua, due Stele e una Via Crucis in ferro battuto, dalle dimensioni 3 metri x3, posizionate lungo il Cammino contemplativo di Karol Wojtyla, grazie alle generose offerte della popolazione facente parte del circondano di Piglio, degli Altipiani di Arcinazzo, di Trevi nel Lazio, di Jenne e di Arcinazzo Romano.
Il caratteristico laghetto dell’Inzuglio, la statua di S. Giovanni Paolo Il, la cappellina della Santissima Trinità, il Santuario della Madonna del Monte, il Cammino contemplativo, il percorso delle quindici stazioni della “Via Crucis”, hanno dato un forte richiamo alla meditazione ed alla preghiera e sono meta di pellegrini e visitatori grazie alla fama di un grande Papa.
Giorgio Alessandro Pacetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights