Spread the love
Il Rione più popolare ed antico di Piglio è in festa attorno ad una piccola chiesa che sorge ad una ventina di metri dalla “Porta Pèi” sita ad Ovest del Paese.
Per i pigliesi, Santa Lucia, morta intorno al 304 d.C., venerata come protettrice degli occhi e che rientra nel numero dei martiri della persecuzione di Diocleziano, è una festa speciale per i dolci che occorreranno fra qualche settimana.
Per l’occasione la facciata della chiesa sarà illuminata e le vie del Borgo saranno abbellite a festa.
Anche questa festa fa parte ormai di una tradizione che i pigliesi si tramandano dalla notte dei tempi.
Per la cronaca c’è da dire che nella nottata del 14 Dicembre 3010, la chiesa di Santa Lucia veniva visitata dai soliti ignoti asportando: cinque anfore, ventuno candelieri, un crocefisso d’altare, un tabernacolo per il Sepolcro del Giovedì Santo, quattro Reliquiari, calici, casole e oggetti di culto, facenti parte di un patrimonio artistico che si tramanda di generazione in generazione molto caro ad ogni credente, tenuti in altissima considerazione affettiva e devozionale dai fedeli pigliesi per cui anche i festeggiamenti 2016 termineranno senza il bacio della reliquia di Santa Lucia.
Un po’ di storia
Dalle notizie raccolte da don Marcello Coretti, parroco di Piglio dal 2000 al 2009, si evince  che il libro più antico conservato nell’archivio parrocchiale è un registro di battesimi che parte dal 9 luglio 1645.
All’epoca era abate e parroco della parrocchia di S. Lucia Carlo De Sanctis.
A seguito dell’incendio ad opera dei francesi, il 28 settembre 1799 fu stipulato un contratto di lavoro con Antonio Cattò per imbiancare la Chiesa di S. Maria e di S. Lucia.
Il Contratto fu firmato da Don Giuseppe Biasiotti e Tommaso Fontana.
Come risulta dai documenti dell’archivio storico del Comune di Piglio, la chiesa di S. Lucia venne restaurata su disegni dell’ing. Borelli, datati 1854, e i lavori appaltati dal sig. Ottaviano Bottini vennero portati a termine nel 1865.
Nel libro di Amministrazione della Collegiata di S. Maria il 9 agosto di quello anno si registrò una spesa per la benedizione della chiesa di S. Lucia.
Giuridicamente la parrocchia di S. Lucia è esistita fino all’ultimo concordato tra Stato e Chiesa.
L’ultimo parroco fu don Celestino Ludovici, originario di Fiuggi, che, dopo la nomina avvenuta nel 1954, da parte del Vescovo di Anagni, Mons. Enrico Romolo Compagnoni, ha provveduto a restaurare i tetti e le mura esterne compresa la torre campanaria.
Successivamente negli anni sessanta la chiesa di Santa Lucia fu abolita come parrocchia e accorpata alla Collegiata di Santa Maria Assunta.
La chiesa nel 2003 è stata infine restaurata dal Comune di Piglio.
Giorgio Alessandro Pacetti

Di sgtest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights