Spread the love

Giovedì 25 gennaio, grazie ad un’operazione messa in atto dalla Questura di Frosinone, l’Ater è riuscita a rientrare in possesso di un alloggio sito nel Capoluogo. Un risultato che è la conferma tangibile del valore dell’azione sul territorio della Polizia di Stato, la quale si è servita del supporto e della partecipazione dell’Ente. Evidenza questa, dell’efficacia del dialogo e della cooperazione tra L’Ente e le Autorità, il primo passo essenziale per rispondere alle esigenze del territorio e della cittadinanza.

““Fin dal mio insediamento dichiara il Commissario Straordinario, Antonello Iannarilli ho partecipato in prima persona ai tavoli di confronto con la Prefettura e la Questura di Frosinone per elaborare soluzioni alle problematiche che affliggono la nostra provincia. Una delle priorità inderogabili del mio mandatoprosegue Iannarilli – è quella di restituire dignità all’Ente, certamente rimettendo in sesto il bilancio, ma anche recuperando e potenziando il dialogo e la collaborazione con le istituzioni e le autorità. Si tratta di un fattore cruciale: soltanto mantenendo un canale aperto di comunicazione e coadiuvando le operazioni messe in atto dalle medesime si può auspicare di combattere e sconfiggere il fenomeno dell’abusivismo. Riappropriarsi degli alloggi occupati senza titolo è, infatti, un obbligo cogente che l’Ater è chiamata ad assolvere per assicurare a tutte le famiglie, regolarmente iscritte nelle graduatorie, il diritto ad avere un’abitazione e garantire all’Ente la riscossione dei canoni legittimi. Doverosi, infine, sono i ringraziamenti che rivolgo a nome dell’Ater al Questore di Frosinone, dott. Domenico Condello, e agli agenti coinvolti per il coordinamento e la conclusione positiva dell’operazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights