Spread the love

Il prossimo giovedì 7 marzo alle ore 12, presso la sala Teatro dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone, sarà presentato il Progetto di Ricerca “STARGATE, dress the future: novel combined wearable integrated systems”, finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca nell’ambito del bando PRIN-PNRR 2022.

Il progetto, con durata biennale, punta a sviluppare sistemi di sensori integrati in dispositivi indossabili, in grado di monitorare parametri ambientali e biologici e da questi riconoscere le emozioni, valutare lo stato di benessere psico-fisico e definire il contesto. Lo sviluppo di queste idee richiederà un approccio multidisciplinare, come evidenziato dalle unità di ricerca coinvolte: l’Accademia di Belle Arti di Frosinone (coordinata dalla prof.ssa Stefania Di Marco), l’Istituto Polimeri Compositi e Biomateriali del CNR di Portici (coordinato dalla dott.ssa Lucia Sansone), il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell’Università Tor Vergata di Roma (coordinato dalla prof.ssa Laura Micheli) e due dipartimenti di Ingegneria, rispettivamente dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale (coordinato dal Prof. Antonio Maffucci) e dell’Università di Perugia (coordinato dal prof. Antonio Moschitta, PI dell’intero progetto).

Molteplici e ambiziosi sono gli obiettivi dei ricercatori coinvolti: dalla sperimentazione di nuovi materiali nanotecnologici e biocompatibili per la realizzazione di sensori, allo sviluppo di tecniche innovative per la loro integrazione nell’abbigliamento e negli accessori, dalla messa a punto di protocolli per l’elaborazione dei dati rilevati e la determinazione di parametri descrittivi dello stato di benessere, all’utilizzo originale di tali segnali per output creativi multimediali legati a performance artistiche.

La novità principale che si intende proporre sfruttando l’alto grado di multidisciplinarità e la complementarietà di competenze della compagine è quindi la definizione di un quadro unificato che possa portare ad un esempio pratico di reti personali interattive avanzate basate su dispositivi indossabili integrati.

Per il territorio frusinate, inoltre, si tratta della ennesima conferma di una felice collaborazione tra l’Accademia di Belle Arti di Frosinone e l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, due Istituzioni di Alta Formazione impegnate da tempo in progetti di ricerca e iniziative didattiche congiunte, che per la prima volta collaboreranno ad un PRIN, Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights