Spread the love

“UNA GIORNATA INTENSA E RICCA DI EMOZIONI CHE MI MOTIVA ANCORA DI PIÙ A LAVORARE PER I CITTADINI A COMINCIARE DA CHI HA MAGGIORE BISOGNO” 

IERI ALL’OSPEDALE SANTO SPIRITO DI ROMA HA CONSEGNATO GLI ATTESTATI A 53 NUOVI CAREGIVER FORMATI DA ASL ROMA 1 E COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO

“Ho voluto dedicare questo 8 marzo a tutte le donne caregiver, che si prendono cura dei propri cari perché ogni giorno hanno bisogno di essere accuditi e aiutati, anche nei più piccoli e semplici gesti. Dall’igiene personale alla nutrizione, dall’assistenza per l’assunzione dei farmaci alle attività motorie e fisioterapiche. Oggi, in un viaggio straordinario sul mio territorio, ho incontrato e apprezzato donne forti nella quotidiana fragilità di situazioni difficili. Donne piene di tenerezza e cariche di sacrifici, testimoni di vite interamente dedicate all’altro. Ho ascoltato storie dolorose, di fatica e di rapporti complicati con le istituzioni e gli enti. Ho conosciuto le ‘donne invisibili’, che annullano loro stesse per il bene e il benessere degli altri”.

Così la presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali della Regione Lazio, Alessia Savo, nella giornata internazionale della donna, ha visitato diverse famiglie, da Sora a Castelliri, da Arpino a Boville Ernica fino a Frosinone, dove ci sono donne caregiver. Il ‘tour’ ha avuto come prima tappa l’Aipes di Sora, dove con il direttore Maurizio Loreto Ottaviani ha incontrato le 23 assistenti sociali in forza al Consorzio. Da qui è iniziata una giornata intensa, nel corso della quale la presidente Savo ha incontrato tante donne caregiver.

“Oggi – ha proseguito la Savo – ho voluto che fosse l’istituzione ad entrare nelle case di chi ha bisogno dell’ascolto, del supporto, della comprensione. Ho scelto quella ‘politica di prossimità’ che, credo, abbia prima di tutto un valore e un dovere morale nei confronti della persona. Poi ho incontrato le donne della nostra sanità, riunite nella sala Teatro della Asl, dove il commissario straordinario Sabrina Pulvirenti mi ha emozionata con una piacevolissima sorpresa”.

Ma le celebrazioni per l’8 marzo erano iniziate già ieri, nella splendida Sala del Commendatore all’ospedale Santo Spirito di Roma, con la cerimonia di consegna degli attestati a 53 caregiver che hanno frequentato il corso organizzato dalla Asl Roma 1 del commissario Giuseppe Quintavalle e dalla Comunità di Sant’Egidio. Il 78% di loro sono donne e l’Italia è il secondo paese al mondo per numero di persone formate.

“In quell’occasione – ha spiegato la presidente della Commissione Sanità – ho parlato della proposta di legge sui caregiver familiari che approveremo a breve in Regione: una legge che non soltanto mette a disposizione risorse a fondo perduto per la cura della persona e la sua formazione, ma introduce importanti strumenti per l’aggiornamento professionale e agevolazioni per i caregiver più giovani, con, ad esempio, la riduzione delle tasse universitarie e punteggi nei concorsi pubblici. Una giornata intensa, ricca di emozioni e dedicata all’ascolto – ha concluso – che mi lascia ancora più motivata a lavorare per il territorio e per i cittadini, a cominciare da quanti hanno più bisogno di poter contare su politiche attive e sostegni mirati. Perché insieme davvero possiamo trasformare ogni giorno in un buon 8 marzo!”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights