Spread the love
Il Vinitaly, il più grande evento dedicato al vino in Italia, ha aperto ieri le sue porte per il 2024, in un vortice di emozione palpabile e di memorabili degustazioni. Quest’anno ho avuto il piacere e l’onore di partecipare in rappresentanza della Regione Lazio a questo evento, che, da consolidata tradizione, offre una significativa panoramica delle eccellenze vinicole italiane. La provincia di Frosinone  è degnamente rappresentata in questa variegata esposizione di prelibatezze grazie ai nostri DOC Cabernet di Atina e Cesanese del Piglio.
I nostri vini Cabernet, con  le loro caratteristiche complesse e il loro profilo robusto, si confermano all’altezza delle loro controparti nazionali ed internazionali. Il merito indiscutibile dei nostri produttori è quello di saper cogliere l’anima di questa varietà e di interpretarla in modi unici e affascinanti, con risultati di tutta evidenza e gradevolezza.
Riguardo al Cesanese, che il Vinitaly ha proposto agli intenditori provenienti da tutto lo Stivale, va detto che questa varietà autoctona del Lazio sta catturando l’attenzione per la sua personalità vivace e il suo carattere distintivo. I produttori anche in questo caso hanno dimostrato la capacità di valorizzare al meglio le caratteristiche uniche di questa uva, offrendo vini che raccontano storie di territorio e tradizione. Un “sorso di storia e di sapori antichi” che affascina e rapisce il degustatore.
Il Vinitaly di quest’anno ha ribadito in modo inequivocabile il ruolo centrale dell’Italia nel panorama vinicolo mondiale. Con una combinazione di tradizione, innovazione e passione, i produttori italiani continuano a stupire e a deliziare gli amanti del vino di tutto il mondo. C’è davvero un’ampia scelta, da operare sempre nel solco di un’eccellenza di fondo, di una qualità posta quale elemento imprescindibile di una vasta e qualitativa produzione. C’è un autentico universo di vini da esplorare con gioia nel nostro Paese, che resta leader mondiale anche in questo 2024. L’evento sta offrendo un’esperienza indimenticabile per gli appassionati del vino di tutto il mondo. Quest’anno si è riscontrato un significativo cambio di passo da parte della nostra regione, grazie all’immenso lavoro portato avanti dall’assessore al l’agricoltura Righini e dal commissario ARSIAL Massimiliano Raffa.
Lo dimostra il bellissimo padiglione del Lazio, di oltre 2000mq, che ospita 53 realtà vitivinicole del nostro territorio, a rappresentare idealmente gli oltre 400 produttori della Regione.
Il Modello Lazio è un’eccellenza del nostro Paese. Continua infatti il nostro lavoro,  in piena sinergia con il governo nazionale e il ministro all’Agricoltura Lollobrigida,  a sostegno dei nostri agricoltori. Siamo infatti convinti che le nostre eccellenze siano un patrimonio da conservare, tutelare e far crescere, perché possano rappresentare sempre più un volano economico importante.
Continuiamo ad alzare i calici e a celebrare la ricchezza e la diversità dei vini Laziali. Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights