Ambiente

Alatri: Lotta alle larve di zanzara: disinfestazione e controllo, Domenica 4 maggio.

Alatri:

COMUNICATO DEL COMUNE DI ALATRI

Lotta alle larve di zanzara: disinfestazione e controllo

Domani, 4 maggio 2024, verrà effettuato un primo intervento di disinfestazione larvale (larve di zanzara). Questo primo intervento interesserà il Centro storico, seguiranno altre zone del territorio comunale.

La Disinfestazione antilarvale è un intervento mirato per ridurre in modo importante la quantità di “potenziali” zanzare adulte in breve tempo: agire su aree circoscritte consente anche di ridurre l’impatto ambientale rispetto a un trattamento contro le zanzare adulte.

L’introduzione dell’antilarvale nelle caditoie non avrà alcun impatto sulla salute delle persone e degli animali, poiché il prodotto è progettato per essere sicuro per l’ambiente e non nocivo per gli organismi non bersaglio.

Il prodotto utilizzato è il: Device®TB-2 – insetticida in compresse – Presidio medico chirurgico.

Frosinone, Completato il murale “antismog” sulla Monti Lepini.

Completato il murale “antismog” sull’ex Monti Lepini per “L’aria che respiriamo”, progetto finanziato dalla Regione Lazio e coordinato dall’amministrazione comunale. Il murale è stato progettato e realizzato dagli allievi dell’Accademia di Belle arti di Frosinone che hanno tratto spunto dalle vedute più rappresentative della città e, attraverso un processo di semplificazione, scomposizione e trasformazione sia volumetrica che coloristica, le hanno riprodotte in due pannelli ognuno di 25×2 ml per un totale di 100 mq. I dipinti sono stati realizzati con vernice che assorbe le polveri sottili. Per il comune di Frosinone il progetto è stato coordinato dal dott. Giuseppe Sarracino e dal geometra Fabrizio Felici con la collaborazione dell’arch. Paolo Culla, che ha curato i rapporti con l’Accademia di Belle Arti di Frosinone.
I docenti Donatella Spaziani e Giacchino Pontrelli hanno guidato gli allievi nel percorso di progettazione e realizzazione dei murale. Il progetto scelto è stato quello di Francesco Savelloni mentre la realizzazione sui pannelli in fibro cemento è stata compiuta da diversi allievi del corso di decorazione e di tecniche della pittura.
Gli obiettivi del progetto voluto dall’amministrazione comunale vanno nella direzione di sensibilizzare e formare i giovani sui temi ambientali e, in particolare, sulle problematiche dell’inquinamento atmosferico e della qualità dell’aria e sulle modalità di monitoraggio, informando i cittadini sulle strategie in atto per ridurre l’inquinamento atmosferico affinché assumano un ruolo attivo nella salvaguardia dell’ambiente, inducendo un cambio di comportamento verso soluzioni sostenibili. Tra gli obiettivi, quello di consolidare il confronto diretto tra cittadini e istituzioni, anche con il coinvolgimento dei comprensivi e del Cpia. Per L’aria che respiriamo sono stati organizzati anche incontri e dibattiti con esperti, con la realizzazione di materiale informativo e di un’app ad hoc con i dati Arpa Lazio con la supervisione del Ced comunale, oltre al “Bike day”, un itinerario in bicicletta aperto a tutti, con la premiazione del concorso di idee riservato agli studenti.

Frosinone, il 10 marzo domenica ecologica con sport ed eventi.

IL 10 marzo, come da calendario dell’amministrazione, si terrà la terza domenica ecologica dalle 8 alle 18, in adempimento delle disposizioni della Regione Lazio in materia, con il coordinamento dell’assessorato all’ambiente del vicesindaco Antonio Scaccia.

“Il Comune di Frosinone intende continuare a promuovere comportamenti virtuosi, a favore dell’ecosistema, in collaborazione con i cittadini, per tutelare la salute della collettività – ha dichiarato il Sindaco, Riccardo Mastrangeli – Nel corso della domenica ecologica si terranno anche eventi pensati per vivere la Città valorizzando la socializzazione, il divertimento e lo sport, realizzati dalle associazioni  in collaborazione con l’amministrazione comunale, mediante il vicesindaco Scaccia e il consigliere delegato allo sport Francesco Pallone”.

“L’attenzione sui temi ambientali da parte dell’amministrazione comunale è massima – ha dichiarato il vicesindaco Scaccia – L’amministrazione sta compiendo tutti gli step necessari al fine di proiettare la città verso una dimensione più sostenibile, che coincide con il miglioramento della qualità della vita”.

“Domenica 10 marzo – ha dichiarato il consigliere Pallone – la Città ospiterà, nell’area di via Aldo Moro, una serie di iniziative organizzate da ASD Mushin dojo e da Scuba basket Frosinone. Ci sarà la possibilità di assistere a esibizioni e dimostrazioni di karate, mentre i piccoli amanti della palla a spicchi potranno partecipare a un evento di minibasket”.

Le domeniche ecologiche prevedono il divieto di circolazione nell’area urbana per tutti i veicoli a uso privato, e divieto di circolazione sulla fascia urbana di via Volsci dei veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.  È consentito l’accesso di tutti i tipi di veicoli alla più vicina tra le seguenti aree destinate a parcheggio da dove sarà possibile raggiungere le varie zone del centro urbano con i servizi di trasporto pubblico: Piazza Salvo D’Acquisto – Piazza Falcone e Borsellino (piazzale antistante la villa comunale) – Piazza Martiri delle Foibe (parcheggio Questura in via Vado del Tufo) – Piazza Sandro Pertini.

Si ricorda che le limitazioni alla circolazione non riguardano i veicoli elettrici e ibridi; quelli adibiti a servizi di polizia, compiti di sicurezza, di protezione civile, servizi sanitari, per il monitoraggio e il controllo della qualità dell’aria; a servizio di persone invalide e comunque autorizzate dal corpo di Polizia locale.

RIFIUTI, LA CONSULTA DEI SINDACI DEL CASSINATE DICE NO AD OGNI IPOTESI DI RIAPERURA DI CERRETO

Verrà redatto un documento da inoltrare a tutte le istituzioni e alla Regione Lazio per manifestare il dissenso dell’intero territorio del basso Lazio, come richiesto dal sindaco di Roccasecca Giuseppe Sacco
 
Sacco: ‘Ringrazio i sindaci per la compattezza manifestata verso l’ipotizzata riapertura del sito. Anche se sono solo voci è giusto mantenere alta l’attenzione e rimanere sempre vigili come noi facciamo ininterrottamente da 3 anni, cioè da quando la discarica non è più in esercizio”
il sindaco di Roccasecca Giuseppe Sacco ha partecipato alla Consulta dei Sindaci del Cassinate convocata per affrontare il tema rifiuti.
“Ho preso la parola durante l’incontro – ha spiegato Sacco – per ribadire la necessità di unità da parte dei Comuni del Cassinate. Unità che significa esprimere un secco e compatto no ad ogni ipotesi di riapertura della discarica di Roccasecca,. Un secco e deciso no che va espresso nei confronti di tutte le istituzioni, anche Regionali, perché questo territorio ha già pagato tanto in termini di sofferenza ambientale, perché non ci sono le condizioni tecniche per riaprire Cerreto e perché ci sono contenziosi in atto che mettono a rischio l’intero iter autorizzativo. E soprattutto perché non si può vanificare tutto il lavoro fatto per favorire la chiusura dell’impianto. E nessuno provi ad imputare l’aumento dei costi preannunciato in questi giorni da Saf alla chiusura della discarica magari per giustificarne l’esigenza di una riapertura perché i conguagli che verranno contabilizzati e che pagheranno i cittadini sono relativi a costi maturati fino al 2020 quando la discarica era ancora aperta. Ringrazio tutti i sindaci presenti perché su questa necessità ho trovato unanime condivisione e nelle prossime ore verrà redatto un documento che sarà poi noltrato a tutte le istituzioni e alla Regione Lazio e che recepirà la volontà espressa dai sindaci’.
Oltre a questo atto ufficiale, verrà preparato un altro documento per chiedere alla Provincia di aprire un tavolo di confronto con i Conuni sul tema dell’individuazione del nuovo sito di discarica, come sollecitato dal sindaco di San Giovanni Incarico, Paolo Fallone.

Frosinone, il 25 febbraio domenica ecologica con tanto sport.

Il 25 febbraio, come da calendario dell’amministrazione, si terrà la seconda domenica ecologica dalle 8 alle 18, in adempimento delle disposizioni della Regione Lazio in materia. La successiva domenica ecologica, con il coordinamento dell’assessorato all’ambiente del vicesindaco Antonio Scaccia, si terrà il 10 marzo, dalle 8 alle 18.

“Il Comune di Frosinone intende continuare a promuovere comportamenti virtuosi, a favore dell’ecosistema, in collaborazione con i cittadini, per tutelare la salute della collettività – ha dichiarato il Sindaco, Riccardo Mastrangeli – Nel corso delle domeniche ecologiche si terranno anche eventi pensati per vivere la Città valorizzando la socializzazione, il divertimento e lo sport. In particolare, domenica 25 febbraio la Città ospiterà, nell’area di via Aldo Moro, una serie di iniziative organizzate da Omnia fitness in collaborazione con l’amministrazione comunale, mediante il consigliere delegato allo sport Francesco Pallone. Ci sarà la possibilità di partecipare a lezioni dimostrative di pizzica, danza hip hop e di rowing (canottaggio indoor), oltre che di chiedere consigli personalizzati, su benessere e stili di vita, ai trainer specializzati presenti”.
Le domeniche ecologiche prevedono il divieto di circolazione nell’area urbana per tutti i veicoli a uso privato, e divieto di circolazione sulla fascia urbana di via Volsci dei veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.  È consentito l’accesso di tutti i tipi di veicoli alla più vicina tra le seguenti aree destinate a parcheggio da dove sarà possibile raggiungere le varie zone del centro urbano con i servizi di trasporto pubblico: Piazza Salvo D’Acquisto – Piazza Falcone e Borsellino (piazzale antistante la villa comunale) – Piazza Martiri delle Foibe (parcheggio Questura in via Vado del Tufo) – Piazza Sandro Pertini.
Si ricorda che le limitazioni alla circolazione non riguardano i veicoli elettrici e ibridi; quelli adibiti a servizi di polizia, compiti di sicurezza, di protezione civile, servizi sanitari, per il monitoraggio e il controllo della qualità dell’aria; a servizio di persone invalide e comunque autorizzate dal corpo di Polizia locale.

Frosinone, qualità dell’aria: le misure dal 23 al 26 febbraio.

In osservanza del Piano regionale per il risanamento della qualità dell’aria, che prevede che i Comuni adottino “provvedimenti di carattere emergenziale articolati su due livelli in relazione alla durata della criticità emersa nei giorni precedenti e/o prevista” in caso di “situazioni di perdurante accumulo degli inquinanti” così come rilevato dall’Arpa, il Comune di Frosinone ha istituito, a partire dal 23 febbraio a tutto il 26 febbraio, il divieto di circolazione, in ambito viario urbano: per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 4 diesel, dalle ore 8.30 alle ore 18.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 diesel, dalle ore 8.30 alle ore 12.30; per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 benzina, dalle ore 8.30 alle ore 18.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 2 benzina, dalle ore 8.30 alle ore 12.30; per i ciclomotori (3 e 4 ruote) alimentati a gasolio di classe emissiva pari o inferiore a Euro2, dalle ore 8:30 alle ore 12:30.

Dai divieti sono comunque esclusi i veicoli utilizzati per finalità di tipo pubblico o sociale, per il trasporto di disabili o di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili, i veicoli definiti dall’articolo 54, comma I, lettere f), g) e n) del d.lgs. 285/1992, quelli elettrici, ibridi, a gas Metano e a GPL e sono fatte salve le disposizioni comunali vigenti relative alle Zone a Traffico Limitato (ZTL) e alle modalità di carico-scarico delle merci.
Il centro urbano soggetto alle limitazioni è quello circoscritto dalle seguenti strade: da Via Tiburtina – Piazza Madonna della Neve – Via Madonna della Neve –Via Marco Tullio Cicerone (da incrocio con Via Madonna della Neve) – Viale Volsci – Via Simoncelli – Via Vado del Tufo – Viale Europa – Via Marittima (da incrocio Viale Europa) – Via G. Puccini – Via G. Pasta – Via Pier Luigi da Palestrina – Via San Giuliano – Via A. Vivaldi – Via G. Verdi (da incrocio Via Vivaldi) – Viale America Latina – Via G. Marconi–Via Fosse Ardeatine–Via San Gerardo (senso unico in discesa)–Via Don G.Buttarazzi–Via V. Ferrarelli (da incrocio Via Buttarazzi) –Via Caio Mario – Via Mària (da incrocio Via Caio Mario) fino a incrocio con Via Tiburtina; limitatamente al tratto stradale di Via Sacra Famiglia, uscita obbligata su Via G. Pasta (sottopasso ferroviario); limitatamente a Via Mascagni, è vietato il transito sul tratto stradale di Piazza Pertini e di Via Monteverdi in direzione Piazza Kambo. Divieto di utilizzo di generatori di calore alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la Classe 3 stelle e il divieto assoluto, per qualsiasi tipologia, di combustioni all’aperto. Limite a 19°C (con tolleranza di 2°) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali. Divieto, per tutti i veicoli, di sostare con il motore acceso.
È demandato al Corpo di Polizia Locale del Comune di Frosinone e a tutti gli altri Organi di Polizia e Vigilanza dello Stato, per quanto di rispettiva competenza, l’esecuzione del provvedimento ed il perseguimento delle violazioni di quanto disposto, con invito ad attuare un potenziamento dei controlli, con particolare riguardo al rispetto dei divieti, di limitazione della circolazione veicolare, di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto. Per le violazioni del dispositivo dell’ordinanza inerenti alla circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7, comma 13 del D. Lgs. n.285/1992 e successive modifiche, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito; per le violazioni non afferenti la circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7 bis del D. Lgs. n.267/2000, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito. L’ordinanza integrale è visibile sull’albo pretorio al link  https://servizi.comune.frosinone.it/openweb/albo/albo_dettagli.php?id=61143&CSRF=73b111eee75cd10ec628dfa44694c33b

Frosinone, qualità dell’aria: le misure per il 14 e il 15 febbraio.

In osservanza del Piano regionale per il risanamento della qualità dell’aria, che prevede che i Comuni adottino “provvedimenti di carattere emergenziale articolati su due livelli in relazione alla durata della criticità emersa nei giorni precedenti e/o prevista” in caso di “situazioni di perdurante accumulo degli inquinanti” così come rilevato dall’Arpa, il Comune di Frosinone ha istituito, dal 14 febbraio e fino a tutto il 15 febbraio, il divieto di circolazione, in ambito viario urbano: per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 4 diesel dalle ore 8.30 alle ore 19.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 diesel dalle ore 8.30 alle ore 19.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari a Euro 4 diesel dalle ore 8.30 alle ore 13.30; per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 benzina dalle ore 8.30 alle ore 18.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 2 benzina, dalle ore 8.30 alle ore 12.30; per i ciclomotori (3 e 4 ruote) alimentati a gasolio di classe emissiva pari o inferiore a Euro 2, dalle ore 8:30 alle ore 12:30.
Dai divieti sono comunque esclusi i veicoli utilizzati per finalità di tipo pubblico o sociale, per il trasporto di disabili o di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili, i veicoli definiti dall’articolo 54, comma I, lettere f), g) e n) del d.lgs. 285/1992, quelli elettrici, ibridi, a gas Metano e a GPL e sono fatte salve le disposizioni comunali vigenti relative alle Zone a Traffico Limitato (ZTL) e alle modalità di carico-scarico delle merci.
Il centro urbano soggetto alle limitazioni è quello circoscritto dalle seguenti strade: da Via Tiburtina – Piazza Madonna della Neve – Via Madonna della Neve –Via Marco Tullio Cicerone (da incrocio con Via Madonna della Neve) – Viale Volsci – Via Simoncelli – Via Vado del Tufo – Viale Europa – Via Marittima (da incrocio Viale Europa) – Via G. Puccini – Via G. Pasta – Via Pier Luigi da Palestrina – Via San Giuliano – Via A. Vivaldi – Via G. Verdi (da incrocio Via Vivaldi) – Viale America Latina – Via G. Marconi–Via Fosse Ardeatine–Via San Gerardo (senso unico in discesa)–Via Don G.Buttarazzi–Via V. Ferrarelli (da incrocio Via Buttarazzi) –Via Caio Mario – Via Mària (da incrocio Via Caio Mario) fino a incrocio con Via Tiburtina; limitatamente al tratto stradale di Via Sacra Famiglia, uscita obbligata su Via G. Pasta (sottopasso ferroviario); limitatamente a Via Mascagni, è vietato il transito sul tratto stradale di Piazza Pertini e di Via Monteverdi in direzione Piazza Kambo. Divieto di utilizzo di generatori di calore alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la Classe 4 stelle e il divieto assoluto, per qualsiasi tipologia, di combustioni all’aperto; divieto  di utilizzo dei camini a legna (camini aperti) in presenza di fonti di riscaldamento alternative. Limite a 19°C (con tolleranza di 2°) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali. Divieto, per tutti i veicoli, di sostare con il motore acceso.
È demandato al Corpo di Polizia Locale del Comune di Frosinone e a tutti gli altri Organi di Polizia e Vigilanza dello Stato, per quanto di rispettiva competenza, l’esecuzione del provvedimento ed il perseguimento delle violazioni di quanto disposto, con invito ad attuare un potenziamento dei controlli, con particolare riguardo al rispetto dei divieti, di limitazione della circolazione veicolare, di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto. Per le violazioni del dispositivo dell’ordinanza inerenti alla circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7, comma 13 del D. Lgs. n.285/1992 e successive modifiche, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito; per le violazioni non afferenti la circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7 bis del D. Lgs. n.267/2000, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito.

Frosinone, Mastrangeli: “Attenzione altissima su ambiente e su tutela salute dei cittadini”

“Bus elettrico di superficie da piazzale De Matthaeis allo Scalo su corsia dedicata, raddoppio ascensore inclinato, implementazione dei parcheggi di interscambio nelle aree strategiche della città (Salvo d’Acquisto, area ex Agip in via Refice, zona via Maria per l’ingresso da Veroli). Avanti con il sistema di piste ciclabili, che saranno rese più attrattive. Controlli più incisivi ed implementati sulle emissioni di caldaie (1592 quelli effettuati nell’ultimo periodo) e, in presenza di altre modalità di riscaldamento, sulle biomasse legnose, tramite anche le pattuglie dedicate della polizia locale; da lunedì un tavolo di confronto su estensione delle isole pedonali e delle domeniche ecologiche. Potenziati gli interventi di piantumazione delle essenze arboree. Da sottolineare che la totalità delle scuole di competenza comunale sono state munite di impianti a metano e che quindi rispettano tutti i parametri della compatibilità ambientale e della transizione ecologica. Avviato il confronto con l’amministrazione provinciale che ha preso un impegno preciso: entro la fine dell’anno scolastico anche le scuole di riferimento dell’ente di piazza Gramsci (gli istituti di istruzione superiore) saranno metanizzate”. Questi alcuni dei punti illustrati dal Sindaco di Frosinone Riccardo Mastrangeli nel corso della conferenza stampa riguardante le iniziative intraprese dall’amministrazione comunale in materia di contrasto all’inquinamento atmosferico. Erano presenti il vicesindaco Antonio Scaccia, gli assessori Adriano Piacentini, Maria Rosaria Rotondi, Alessandra Sardellitti, i consiglieri Francesca Chiappini, Giovambattista Martino, Teresa Petricca, Francesco Pallone, Dino Iannarilli, con il dirigente Benito Caringi e Alfredo Leo della Polizia locale. “L’80% degli investimenti del Pnrr e l’80% degli investimenti previsti dal PR FESR Lazio saranno destinati all’ambiente, dal momento che come amministratori abbiamo la responsabilità di dover affrontare la situazione riguardante le emissioni inquinanti perché si riflette direttamente sulla salute dei cittadini”. Nello specifico, sono 16 i milioni di euro finanziati dal Programma Regionale cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale; 20 milioni di euro sono invece messi in campo con il Pnrr.

“L’attenzione sui temi ambientali da parte dell’amministrazione comunale precedente e di questa attuale amministrazione è massima. Le iniziative messe in campo possono piacere o non piacere, toccare interessi economici o abitudini consolidate, ma è necessario un cambio di mentalità e cultura a favore della salute di tutta la nostra collettività. Andremo avanti in maniera decisa su questi temi. Minoranza e maggioranza, l’intero consiglio comunale, devono agire in sinergia nell’interesse della cittadinanza”. E sulla situazione emergenziale che, da due mesi, in ragione di una contingenza climatica che ha visto una scarsità di precipitazioni piovose, ha comportato l’emissione di ordinanze con limitazioni alla circolazione delle vetture più inquinanti, ha detto: “Io non giudico le leggi dello Stato o della Regione, la quale ci impone di emettere provvedimenti sul traffico in ordine ai dati sull’inquinamento raccolti dall’Arpa. Tuttavia credo che il piano di risanamento della qualità dell’aria, elaborato dalla giunta Zingaretti, andrebbe rivisto”.

Il Sindaco Mastrangeli ha anche annunciato che il settore della Polizia Locale procederà alla individuazione delle strade che rispettano i parametri della recente circolare del Ministero delle Infrastrutture per limitare la velocità a 30km/h. Tra i requisiti richiesti, l’assenza di marciapiedi, presenza di pendenze, contiguità a ciclabili, parchi, ospedali, scuole, cliniche, e che abbiano un indice riproducibile di pericolo e incidentalità.

Frosinone, qualità dell’aria: le misure di I livello. L’ordinanza

In osservanza del Piano regionale per il risanamento della qualità dell’aria, che prevede che i Comuni adottino “provvedimenti di carattere emergenziale articolati su due livelli in relazione alla durata della criticità emersa nei giorni precedenti e/o prevista” in caso di “situazioni di perdurante accumulo degli inquinanti” così come rilevato dall’Arpa, il Comune di Frosinone ha istituito, a partire dal 31 gennaio 2024 e fino a tutto il 1° febbraio 2024, il divieto di circolazione, in ambito viario urbano: per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 4 diesel, dalle ore 8.30 alle ore 18.30; per i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 diesel, dalle ore 8.30 alle ore 12.30; per le autovetture private di classe emissiva pari o inferiore a Euro 3 benzina, dalle ore 8.30 alle ore 18.30; i veicoli commerciali di classe emissiva pari o inferiore a Euro 2 benzina, dalle ore 8.30 alle ore 12.30; per ciclomotori (3 e 4 ruote) alimentati a gasolio di classe emissiva pari o inferiore a Euro 2, dalle ore 8:30 alle ore 12:30.
Dai divieti sono comunque esclusi i veicoli utilizzati per finalità di tipo pubblico o sociale, per il trasporto di disabili o di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili, i veicoli definiti dall’articolo 54, comma I, lettere f), g) e n) del d.lgs. 285/1992, quelli elettrici, ibridi, a gas Metano e a GPL e sono fatte salve le disposizioni comunali vigenti relative alle Zone a Traffico Limitato (ZTL) e alle modalità di carico-scarico delle merci.
Il centro urbano soggetto alle limitazioni è quello circoscritto dalle seguenti strade: da Via Tiburtina – Piazza Madonna della Neve – Via Madonna della Neve -Via Marco Tullio Cicerone (da incrocio con Via Madonna della Neve) – Viale Volsci – Via Simoncelli – Via Vado del Tufo – Viale Europa – Via Marittima (da incrocio Viale Europa) – Via G. Puccini – Via G. Pasta – Via Pier Luigi da Palestrina – Via San Giuliano – Via A. Vivaldi – Via G. Verdi (da incrocio Via Vivaldi) – Viale America Latina – Via G. Marconi – Via Fosse Ardeatine – Via San Gerardo (senso unico in discesa) – Via Don G. Buttarazzi – Via V. Ferrarelli (da incrocio Via Buttarazzi) -Via Caio Mario – Via Mària (da incrocio Via Caio Mario) fino a incrocio con Via Tiburtina; limitatamente al tratto stradale di Via Sacra Famiglia, uscita obbligata su Via G. Pasta (sottopasso ferroviario); limitatamente a Via Mascagni, è vietato il transito sul tratto stradale di Piazza Pertini e di Via Monteverdi in direzione Piazza Kambo.
Le misure prevedono il divieto di utilizzo di generatori di calore alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la Classe 3 stelle e il divieto assoluto, per qualsiasi tipologia, di combustioni all’aperto. Limite a 19°C (con tolleranza di 2°) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali. Divieto, per tutti i veicoli, di sostare con il motore acceso.
È demandato al Corpo di Polizia Locale del Comune di Frosinone e a tutti gli altri Organi di Polizia e Vigilanza dello Stato, per quanto di rispettiva competenza, l’esecuzione del provvedimento ed il perseguimento delle violazioni di quanto disposto, con invito ad attuare un potenziamento dei controlli, con particolare riguardo al rispetto dei divieti, di limitazione della circolazione veicolare, di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto. Per le violazioni del dispositivo dell’ordinanza inerenti alla circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7, comma 13 del D. Lgs. n.285/1992 e successive modifiche, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito; per le violazioni non afferenti la circolazione stradale, si applicano le sanzioni previste dall’art. 7 bis del D. Lgs. n.267/2000, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito. L’ordinanza integrale è visibile sull’albo pretorio al link https://servizi.comune.frosinone.it/openweb/albo/albo_dettagli.php?id=60716&CSRF=b4bd8ca25c9f7d0a5f0d9bff76ff9035

Torna “SICURI con la NEVE”, la giornata nazionale dedicata alla prevenzione degli incidenti tipici della stagione invernale. www.sicurinmontagna.it

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio è lieto di annunciare la partecipazione attiva all’evento nazionale “SICURI con la NEVE”, in programma per domenica 21 gennaio. L’iniziativa è parte integrante del progetto SICURI in MONTAGNA, che mira alla prevenzione degli incidenti tipici della stagione invernale, focalizzandosi su temi cruciali come comportamento su neve, valanghe e ipotermia.

Due appuntamenti, aperti a tutti, arricchiranno la giornata, permettendo a un vasto pubblico di partecipare attivamente e conoscere le migliori pratiche per godere in sicurezza delle montagne durante l’inverno. I luoghi prescelti per gli incontri sono Prati di Mezzo a Picinisco (FR) e Campo Catino a Guarcino (FR).

Il programma dell’evento prevede sessioni informative e pratiche tenute da tecnici del CNSAS, focalizzate sulla consapevolezza dei rischi e dei limiti personali nella frequentazione dell’ambiente montano. Le tematiche affrontate includeranno la corretta gestione delle attrezzature da montagna e l’importanza della comunicazione in contesti remoti.

Lo scopo principale di SICURI in MONTAGNA è creare una sensibilità diffusa, al fine di accrescere la consapevolezza della comunità riguardo ai pericoli invernali e alla necessità di preparazione. Il CNSAS sottolinea l’importanza di un’adeguata informazione per tutti coloro che amano trascorrere del tempo in montagna, enfatizzando la responsabilità individuale nel mantenere un comportamento sicuro.

Il CNSAS Lazio invita gli appassionati di montagna e il pubblico in generale a partecipare numerosi a questa giornata dedicata alla sicurezza invernale. Un’occasione unica per acquisire conoscenze fondamentali e condividere esperienze per vivere appieno le meraviglie delle montagne in modo responsabile.

Per ulteriori informazioni e dettagli sull’evento, è possibile consultare il sito dedicato: www.sicurinmontagna.it/

Verified by MonsterInsights