News

Operazione di Sicurezza a Frosinone: La Questura Recupera Immobile Occupato Abusivamente”.

La costante attività informativa svolta dalla Questura di Frosinone in tutta la provincia ed, in particolare, l’attività di controllo diretta a scongiurare l’occupazione abusiva di immobili di edilizia popolare, assegnati tramite l’Agenzia Territoriale per l’Edilizia Residenziale (ATER) agli aventi diritto, ha consentito di svolgere, nella giornata di ieri, un’importante operazione di sicurezza presso la zona bassa della città.

 

L’azione della Questura di Frosinone e, più precisamente, dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha impedito l’ingresso illegale di un cittadino albanese all’interno di un’abitazione sita in Via Normandia.

L’occupante abusivo, con l’aiuto di complici, aveva già operato il cambio della serratura della porta d’ingresso e introdotto all’interno suppellettili e oggetti personali al fine di entrarne fattivamente in possesso.

L’individuo, su cui pendevano numerosi precedenti di polizia, è stato intercettato nella città e portato negli uffici della Questura per le procedure di foto-segnalazione. A seguito di ciò, l’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

Grazie alla costante e proficua collaborazione dell’Ater, la Polizia di Stato ha sottratto un altro l’immobile all’occupazione abusiva; abitazione che è stata contestualmente affidata ad una famiglia avente diritto già in graduatoria per le assegnazioni di alloggi popolari.

Quest’azione rientra nelle iniziative della Polizia di Stato di Frosinone volte a mantenere l’ordine pubblico e a garantire che le proprietà immobiliari siano protette da usi illeciti, rafforzando la sicurezza della comunità locale.

Sora – Servizio straordinario del territorio –  SANZIONI AMMINISTRATIVE e altro

Controlli rinforzati da parte dei Carabinieri di Sora che, nella serata di ieri, hanno effettuato ispezioni agli esercizi di somministrazione di cibi e bevande ubicati nel centro cittadino. Impiegate 3 pattuglie delle Stazioni dipendenti della Compagnia di Sora, personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, oltre ad unità del Nucleo Carabinieri Antisofisticazioni e Sanità di Latina, che hanno proceduto alle specifiche verifiche di settore. Tale attività, grazie alle preziose segnalazioni pervenute dai cittadini, è stata estesa anche ai luoghi centrali quali Piazza S.Restituta – Corso Volsci e Piazza Cesare Baronio, nonché a quelli più decentrati quali Viale S.Domenico, dove sono state  controllate specificatamente attività di Bar/Pub. Le verifiche si sono altresì concentrate anche sul fenomeno delle diffusioni sonore derivanti dall’utilizzo di impianti musicali o di “Karaoke”, che possono arrecare disturbo al riposo ed alle normali attività dei residenti qualora non vi sia il rispetto della normativa, ciò con particolare sensibilità rispetto ad attività pubbliche ubicate su Viale San Domenico. Monitorati anche i numerosi avventori delle attività pubbliche menzionate allo scopo di  incentivare il riaspetto delle regole del vivere civile.

Più di 60 le persone identificate ed oltre 35 veicoli controllati  in poche ore, effettuate alcune ispezioni e riscontrate gravi violazioni al codice della strada, che sono state sanzionate.

Controlli diffusi nei vari luoghi di maggiore aggregazione sociale del territorio, oltre che nelle zone periferiche e rurali, queste le indicazioni dettate dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, ripetute periodicamente durante la settimana, in orari sempre diversi per cercare di intercettare i malintenzionati. Nel corso dei controlli i Carabinieri hanno fermato, in località periferica denominata “Selva” di Sora, un 40enne cittadino straniero trovato alla guida di autovettura già sottoposta a sequestro amministrativo, per la successiva confisca, per mancanza della prevista assicurazione obbligatoria di responsabilità civile derivante dalla circolazione stradale. Lo stesso è stato contravvenzionato secondo norma del Codice della Strada e l’autovettura sottoposta a nuovo sequestro amministrativo con affidamento al custode/acquirente per la definitiva alienazione. In Via Vittorio Emanuele sono state sottoposte ad ispezione, in collaborazione con personale del N.A.S. di Latina, alcune attività pubbliche di somministrazione di cibi e bevande delle quali 2 rivendite di “Kebab” ed 1 rivendita di alimentari, rispettivamente gestite da cittadini di nazionalità “pakistana” e “bengalese”. Le attività non sono risultate in regola con la normativa sanitaria di settore e, pertanto, contravvenzionate in tal senso con sanzione pari ad € 1000 ciascuna. Per una di esse è stata proposta la chiusura preventiva pari a giorni 5, all’esito dei controlli degli ispettori della ASL competente, informati delle carenze riscontrate.

È un’attività continua, quella che impegna i militari della caserma di Via Barea a Sora e di tutte le Stazioni del territorio, per assicurare una presenza costante e diffusa, nonché la possibilità per il cittadino di avere punti di riferimento forti e pronti a rispondere alle richieste di aiuto, ma allo stesso tempo a segnare il presidio di quei luoghi ove maggiore è la presenza di persone che vi si riuniscono o che siano a diporto ed intercettare i malintenzionati.

CECCANO (FR): Arrestato 71enne; deve espiare ai domiciliari la pena residua di  4  mesi per evasione dei redditi di imposta.

I Carabinieri della Stazione di Ceccano (FR) hanno arrestato un 71 enne del luogo,  in ottemperanza ad un ordine di esecuzione di detenzione domiciliare emesso dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Roma.

I militari, dopo aver rintracciato l’uomo, hanno provveduto alla notifica dell’ordine di esecuzione  dovendo l’arrestato scontare la pena residua di mesi 4 di reclusione, essendo stato  condannato in via definitiva per il reato di  evasione dei redditi d’imposta, reato commesso in  Provincia di Frosinone sino all’anno 2010.

L’Arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la sua abitazione dove resterà nei prossimi mesi per l’espiazione della pena, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Anci Lazio – Chiusura dei Lavori a Bruxelles. Gianluca Quadrini: “Nuove Opportunità per il Territorio”

Il Vicepresidente di Anci Lazio, Gianluca Quadrini, a conclusione delle giornate di lavoro a Bruxelles, insieme agli amministratori della Provincia di Frosinone, ha sottolineato le numerose opportunità emerse dagli incontri avuti per il territorio. Riunitisi nella capitale europea, hanno esaminato attentamente le proposte e le opportunità offerte dall’Unione Europea, rappresentando un importante passo avanti per il nostro territorio. Quadrini, in una nota, ha espresso il suo pensiero in merito, enfatizzando l’importanza di queste giornate e l’impegno costante verso il territorio – “l’opportunità unica presentata da Bruxelles è stato un segnale di fiducia per le prospettive future per il nostro territorio. La permanenza qui, insieme agli amministratori della Provincia di Frosinone, ha rappresentato un significativo momento di collaborazione e condivisione delle migliori pratiche, dimostrando il forte impegno di Anci Lazio e degli amministratori provinciali per promuovere lo sviluppo sostenibile e la crescita del territorio. La visita a Bruxelles ha evidenziato opportunità uniche per la provincia di Frosinone. Siamo fiduciosi che queste nuove prospettive possano contribuire in modo significativo alla crescita e al benessere della nostra comunità locale. L’impegno costante di Anci Lazio nel cogliere e promuovere le opportunità offerte dall’Unione Europea dimostrano il lavoro costante l’attenzione verso nuove prospettive per lo sviluppo e il progresso della nostra provincia.”

Frosinone, Completato il murale “antismog” sulla Monti Lepini.

Completato il murale “antismog” sull’ex Monti Lepini per “L’aria che respiriamo”, progetto finanziato dalla Regione Lazio e coordinato dall’amministrazione comunale. Il murale è stato progettato e realizzato dagli allievi dell’Accademia di Belle arti di Frosinone che hanno tratto spunto dalle vedute più rappresentative della città e, attraverso un processo di semplificazione, scomposizione e trasformazione sia volumetrica che coloristica, le hanno riprodotte in due pannelli ognuno di 25×2 ml per un totale di 100 mq. I dipinti sono stati realizzati con vernice che assorbe le polveri sottili. Per il comune di Frosinone il progetto è stato coordinato dal dott. Giuseppe Sarracino e dal geometra Fabrizio Felici con la collaborazione dell’arch. Paolo Culla, che ha curato i rapporti con l’Accademia di Belle Arti di Frosinone.
I docenti Donatella Spaziani e Giacchino Pontrelli hanno guidato gli allievi nel percorso di progettazione e realizzazione dei murale. Il progetto scelto è stato quello di Francesco Savelloni mentre la realizzazione sui pannelli in fibro cemento è stata compiuta da diversi allievi del corso di decorazione e di tecniche della pittura.
Gli obiettivi del progetto voluto dall’amministrazione comunale vanno nella direzione di sensibilizzare e formare i giovani sui temi ambientali e, in particolare, sulle problematiche dell’inquinamento atmosferico e della qualità dell’aria e sulle modalità di monitoraggio, informando i cittadini sulle strategie in atto per ridurre l’inquinamento atmosferico affinché assumano un ruolo attivo nella salvaguardia dell’ambiente, inducendo un cambio di comportamento verso soluzioni sostenibili. Tra gli obiettivi, quello di consolidare il confronto diretto tra cittadini e istituzioni, anche con il coinvolgimento dei comprensivi e del Cpia. Per L’aria che respiriamo sono stati organizzati anche incontri e dibattiti con esperti, con la realizzazione di materiale informativo e di un’app ad hoc con i dati Arpa Lazio con la supervisione del Ced comunale, oltre al “Bike day”, un itinerario in bicicletta aperto a tutti, con la premiazione del concorso di idee riservato agli studenti.

PIGLIO, Piglio si prepara alle elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno 2024

Roberto Neccia e Marco Camusi sfidano il sindaco Mario Felli. Tre sono le liste in corsa che si sfideranno alle prossime elezioni di giugno 2024.   La fase preparatoria è entrata nel suo momento più interessante e decisivo. Fervono le consultazioni e si studiano strategie e compromessi.
Filtrano le prime indiscrezioni secondo le quali per la prossima legislazione locale: Marco Camusi sta rispolverando una formula che consiste in una intesa programmatica con tutte le forze politiche locali su un programma riformatore per puntare ad un ricambio amministrativo.
Roberto Neccia, consigliere di minoranza uscente sta operando con senso di responsabilità per proporre all’elettorato una concreta alternativa di cambiamento.
Mario Felli sindaco uscente: “faremo una campagna elettorale nel segno della chiarezza della partecipazione, della correttezza e della trasparenza.
Il nostro unico interesse è quello di lavorare per il bene di Piglio.
Per noi fare politica significa servire i cittadini e condividere con loro idee e programmi”.
Qui di seguito riportiamo I nominativi dei Sindaci che si sono succeduti dopo il passaggio degli alleati (4 Giugno 1944) data della liberazione dei pigliesi i sindaci furono Riccardo Monti e Francesco Loreti periodo (1944-1946).
 Dalla prima legislatura Repubblicana nel palazzo comunale si sono avvicendati:
1) Francesco Spirito fino al   1952;
2) Sante Ceccaroni                1952-1956;
3) Sante Ceccaroni                1956-1958;
4) Benedetto Illuminati         1958-1960;
5) Borgia Giuseppe               1960-1962;
6) Vittorio Lolli                     1962-1963;
7) Raffaele Ambrosetti          1963-1964;
8) Benedetto Illuminati         1964-1970;
9) Benedetto Illuminati         1970-1975;
10) Benedetto Illuminati       1975-1978;
11) Nazzareno Ricci              1978-1980;
12) Nazzareno Ricci            1980-1985;
13) Nazzareno Ricci              1985-1990;
14) Nazzareno   Ricci            1990-1995;
15 Nazzareno   Ricci             1995-1999;
16) Nazzareno Gabrieli         1999-2004;
17) Nazzareno Gabrieli         2004-2009;
18 Tommaso Cittadini           2009-2014;
19) Mario Felli                      2014-2019.
20) Mario Felli                      2019- 2024
21)                                        2024- 2029
Giorgio Alessandro Pacetti

I Carabinieri della  Stazione di Cassino  (FR) hanno arrestato un 26enne residente nella Capitale, già noto alle forze dell’ordine, in ottemperanza ad un’ordinanza di ripristino della detenzione in carcere emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Frosinone.

Il giovane, che era già sottoposto alla misura alternativa alla detenzione dell’affidamento in prova ai servizi sociali nella Città di Cassino, derivante dalle sentenze di condanna per rapina e furto con strappo, reati commessi a Roma nel 2021, è stato raggiunto dall’ordinanza di ripristino della detenzione in carcere disposta dall’Autorità Giudiziaria a seguito di gravi violazioni delle prescrizioni accertate dai militari della Stazione Carabinieri della Città Martire.

Al termine delle formalità di rito, il condannato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Cassino per proseguire l’espiazione della pena fino al 2027.

Prosegue l’impegno quotidiano degli uomini e delle donne della Compagnia Carabinieri di Cassino sia per la prevenzione e repressione di ogni forma di illegalità sia per assicurare l’esecuzione delle misure disposte nel corso  dei processi già conclusi con sentenza di condanna.

CASSINO (FR): Guida in stato di ebrezza; arrestato 33enne ucraino.

I militari della Stazione Carabinieri di Piedimonte San Germano hanno eseguito un’ordinanza emessa dall’ Ufficio Esecuzioni Penali presso il Tribunale di Cassino nei confronti di un 33enne ucraino responsabile di guida di autoveicolo in stato di ebbrezza alcolica.

I  militari rintracciato l’uomo hanno dato esecuzione al provvedimento detentivo che dispone  l’espiazione della pena di mesi 6 di reclusione a seguito di condanna definitiva  per il reato di guida in stato di ebrezza,  illecito commesso nell’anno 2019 nel comune di Pignataro Interamna (FR):

Al termine delle formalità di rito l’arrestato  è stato accompagnato presso il carcere di Cassino dove espierà la pena detentiva, oltre il pagamento di una sanzione pecuniaria pari a euro 1500.

Continua il quotidiano impegno dei Carabinieri della Compagnia di Cassino e delle stazioni dipendenti nel quotidiano contrasto di ogni forma di illegalità.

ONERI CONCESSORI PREGRESSI VERSATI AI COMUNI E PIANO DELLE OPERE STRATEGICHE IN DIRITTURA D’ARRIVO Primi risultati positivi grazie alle attività attuate dalla STO Entro maggio l’avvio dei cantieri per i depuratori di quattro Comuni

Frosinone, 17 aprile 2024 – Proseguono con celerità le attività messe in campo dalla Segreteria tecnico operativa (STO) dell’Egato5 Lazio Meridionale Frosinone, secondo quanto pianificato dai dirigenti Luigi Urbani e Pietro D’Aguanno.

Tra i primi risultati già portati casa, il completamento dei trasferimenti, per alcune annualità pregresse, degli oneri concessori dovuti ai Comuni dell’Ato5, mentre sono in corso ulteriori procedure per concludere l’iter che porterà, entro gennaio 2025, ad un riallineamento dei tempi previsti per tutti i trasferimenti spettanti agli stessi enti locali.

Ulteriori novità riguardano, poi, importanti attività di rilievo svolte dall’Egato 5. È, infatti, a buon punto l’iter per definire la tariffa idrica, secondo quanto previsto dal nuovo metodo, il cosiddetto MTI-4, dettato dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera), che avrà durata di 6 anni e che dovrà garantire il graduale e costante miglioramento del servizio idrico e di depurazione.

Contestualmente gli uffici della STO stanno provvedendo all’aggiornamento del Piano delle Opere Strategiche (POS) fino al 2033, mirando a favorire la sicurezza degli approvvigionamenti idrici e, allo stesso tempo, a promuovere una maggiore cooperazione nei diversi livelli di pianificazione. Anche taluni interventi strutturali, primi fra tutti i depuratori di Ausonia, Coreno Ausonio, Castelnuovo Parano e Villa Latina, di cui il primo oggetto di finanziamento tramite il PNRR con stanziamento di circa 12 milioni di euro, vedranno i relativi cantieri avviati già dal prossimo mese di maggio.

Dichiarazione del dirigente responsabile Luigi Urbani:
Abbiamo cadenzato un tavolo tecnico con ACEA Ato5 spa settimanalmente. Tanti sono i problemi già affrontati e man mano avviati a soluzione immediata o a breve termine. Gli uffici, poi, sono al lavoro anche per la prossima seduta della Conferenza dei Sindaci, alla quale verranno proposti atti rilevanti, tra cui l’approvazione dello Statuto, il rendiconto 2022, il regolamento della Consulta. Con l’approvazione dello Statuto è sancita definitivamente l’autonomia di questo Ente di Governo sempre più fondamentale per l’ambito dei comuni sottesi”.

I due dirigenti della STO, Urbani e D’Aguanno, infine, esprimono un doveroso quanto sentito ringraziamento a tutti i dipendenti della stessa Segreteria tecnico-amministrativa, che si stanno prodigando quotidianamente in un lavoro continuo e costante, affinché anche il Gestore possa garantire il miglior servizio alla collettività interessata.

VEROLI (FR): Ubriaco molesta gli avventori di un bar ed aggredisce i carabinieri; arrestato 54enne.

I Carabinieri della Stazione di Veroli, durante un servizio perlustrativo finalizzato alla prevenzione e repressione di reati, sono intervenuti presso un bar della cittadina ernica, a seguito di una richiesta che segnalava la presenza di un cittadino in stato di ebbrezza alcolica che stava molestando gli avventori.

I militari ivi giunti poco dopo la richiesta, hanno immediatamente tentato di tranquillizzare il “molestatore” che, in evidente stato di ubriachezza, ha inizialmente inveito contro i Carabinieri e successivamente, non pago di quanto messo in atto, si scagliava con violenza contro i Militari dell’Arma.

Gli operanti, in considerazione dello stato di aggressività etero-rivolta dell’uomo, al fine di tutelare le altre persone presenti ed evitare ulteriori più gravi conseguenze, procedevano all’arresto dello stesso.

A seguito di giudizio per “direttissima”, l’Autorità Giudiziaria, oltre a convalidare l’arresto, disponeva la sottoposizione dello stesso all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

È obbligo rilevare che l’indagato, destinatario della misura cautelare, è, allo stato, solamente indiziato di delitto e la sua posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza.

Verified by MonsterInsights