News Amaseno

AMASENO (FR): Trovati i resti di un militare tedesco della seconda guerra mondiale.

E’ stata una domenica fuori dall’ordinario per i Carabinieri della Stazione di Amaseno, che, unitamente a personale della Soprintendenza ai beni Culturali, all’amministrazione comunale e alla Protezione Civile, hanno rinvenuto i resti di uno scheletro umano appartenuto, con ogni probabilità, ad un militare tedesco impegnato nella seconda guerra mondiale.

Nei giorni scorsi alcuni volontari della Associazione Metal Detector Amaseno hanno segnalato ai Carabinieri della locale Stazione la presenza di ossa e materiale militare tra le montagne di Amaseno, in località Civitella. I militari hanno pertanto contattato il Dipartimento Frosinone e Latina della Soprintendenza Archeologica – Belle Arti e Paesaggio del Lazio e, in accordo con l’amministrazione comunale di Amaseno  e con la Protezione Civile, hanno organizzato una piccola spedizione nell’area per comprendere più precisamente di cosa si trattasse.

Domenica mattina, dopo un’ora e mezza di cammino in montagna, la spedizione – guidata dal Comandante di Stazione Luogotenente Gabriele Scarpa alla presenza del Sindaco Ernesto Gerardi – è giunta sul luogo segnalato. Sotto le indicazioni del dottor Pantano, antropologo, sono iniziate le attività di scavo,  che hanno consentito di eliminare il terreno preservando il materiale sottostante. Dopo più di tre ore, sono emersi chiaramente i resti umani, ormai scheletrizzati dal tempo. Tutto intorno sono stati recuperati anche degli accessori di una uniforme militare ed una piastrina integra, riportante la sigla del battaglione di appartenenza del militare, un fante tedesco. Di fronte a tali elementi e all’avanzato stato di consumazione delle ossa, la Procura di Frosinone ha rimesso i resti alle autorità competenti per giungere alla precisa identificazione dell’uomo.  Nei prossimi giorni, il Comune di Amaseno provvederà a contattare le autorità tedesche e  a restituire il corpo ai familiari affinché gli sia data degna sepoltura.

AMASENO (FR): Incontro tra Carabinieri e studenti delle terze medie dell’Istituto Comprensivo di Amaseno.

Nella mattinata odierna si è tenuto l’ultimo incontro per l’anno scolastico 2023/2024 del progetto della “cultura della legalità”, promosso dall’Arma dei Carabinieri e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Il Maggiore Paolo di Napoli, il Luogotenente C.S. Emilio Frattarelli ed il Luogotenente Gabriele Scarpa – rispettivamente comandante della Compagnia Carabinieri di Frosinone, della Stazione di Giuliano di Roma e della Stazione di Amaseno  – hanno incontrato circa 70 studenti delle classi terze della scuola media dell’Istituto Comprensivo di Amaseno, cui fanno riferimento anche le scuole dei comuni di Giuliano di Roma e Villa Santo Stefano. All’incontro hanno preso parte anche una rappresentanza dell’amministrazione locale – composta dal Sindaco  Ernesto Gerardi, dal Vicesindaco Stefano Tombolillo e dall’assessore alle politiche giovanili Federica Cimaroli – e la dirigente scolastica, dott.ssa Marianeve Rossi.

I Carabinieri hanno sensibilizzato i ragazzi sui temi della sicurezza stradale, dell’alcoolismo e del contrasto allo spaccio ed all’uso di sostanze stupefacenti. Ulteriore attenzione è stata rivolta ai fenomeni della violenza di genere, del bullismo e sui pericoli che possono celarsi nella navigazione sul web.

Al termine della esposizione, gli alunni hanno rivolto varie domande ai militari presenti, soffermandosi sul significato di legalità, sulle migliorie che possono esser apportate alla legislazione per contrastare il bullismo e sulla evoluzione che hanno avuto la produzione e consumo di sostanze stupefacenti nel corso degli anni.

Prima della fine dell’incontro, è stato mostrato un video girato dagli alunni della 3^ C della scuola secondaria di primo grado di Giuliano di Roma che, attraverso una coreografia danzante, hanno rappresentato il tema della violenza e del supporto che la comunità può offrire alla vittima per evitarle di soccombere.

Amaseno: incidente stradale Amaseno

Nel primo pomeriggio di ieri 27 gennaio, alle ore 14.15 circa, a seguito di chiamata NUE, i vigili del
fuoco di Frosinone sono intervenuti ad Amaseno, in via del Cimitero, per un incidente stradale nel quale sono rimasti coinvolti un mezzo pesante ed un’auto.
Il personale Vf intervenuto ha tempestivamente soccorso. I malcapitati affidandoli alle cure del 118 mettendo poi in sicurezza il tratto stradale ed i mezzi coinvolti.
Presenti sul posto anche l’arma dei carabinieri per le procedure di propria competenza.

Pastena: incendio di bosco che ha interessato circa 10 ettari di vegetazione montuosa.

Dalle 10 circa di questa mattina in via colle a Pastena i vigili del fuoco di Frosinone sono intervenuti con personale DOS (Direttore Operazioni Spegnimento) per lo spegnimento di un vasto incendio che ha interessato una zona montuosa che ha interessato circa 10 ettari di collina . L’intervento si è concluso alle 16.10 di questo pomeriggio grazie al supporto dell’elicottero VVF.

AMASENO (FR): Arrestato un 20enne italiano per ricettazione, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi da fuoco

Da subito era sembrato un furto particolarmente odioso per la realtà di Amaseno. Un paio di settimane fa, durante una tranquilla mattinata, un settantenne di Amaseno si era allontanato dalla sua abitazione per recarsi in centro ad effettuare degli acquisti ma, tornato a casa, ha trovato un’amara sorpresa: dei ladri avevano visitato la sua residenza, sottraendo oggetti preziosi, una pistola e tre fucili da caccia regolarmente detenuti.

Da allora i Carabinieri della Stazione di Amaseno si sono messi alla ricerca degli autori del reato e, da qualche giorno, avevano focalizzato la loro attenzione su un ventenne amasenese, sentendo di essere vicini a chiudere il cerchio attorno a lui.

I loro sforzi sono stati premiati quando sul web è apparso un annuncio, diffuso da un profilo fake, per pubblicizzare la vendita di un orologio, riconosciuto dal suo legittimo proprietario come uno dei suoi beni rubati due settimane fa. I Carabinieri hanno pensato che dietro quel profilo finto, attivo proprio ad Amaseno, si nascondesse proprio il ragazzo che aveva attirato le loro attenzioni, il quale, quando ha incontrato i militari, dopo l’iniziale resistenza ha ammesso di possedere quell’orologio, pur sostenendo di averlo trovato per strada.

I Carabinieri, convinti di essere sulla buona strada, hanno approfondito le ricerche e sul telefono del ragazzo hanno trovato delle foto delle strade del centro cittadino, cerchiate per evidenziare il posizionamento di qualcosa. I militari hanno fatto presto a riconoscere quelle vie e, una volta verificati i nascondigli, hanno recuperato circa 8 grammi di cocaina.

Le scoperte, tuttavia, non erano ancora finite. I Carabinieri hanno trovato un video dello stesso ventenne in una zona di montagna, che, imbracciato un fucile a canne sovrapposte, sparava un colpo in aria. Di fronte alla gravità della situazione, sono cadute anche le sue ultime resistenze e il ragazzo, avendo ormai compreso di essere nei guai, ha collaborato, portando i militari sul luogo ove aveva nascosto il fucile.

L’uomo è stato pertanto tratto in arresto in flagranza di reato per ricettazione, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi da fuoco. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato posto agli arresti domiciliari. Su richiesta della Procura della Repubblica, l’arresto è stato successivamente convalidato dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Frosinone, che ha disposto l’obbligo di dimora nel Comune di Amaseno con presentazione agli uffici di Polizia Giudiziaria tre volte alla settimana.

È obbligo rilevare che l’indagato, destinatario della misura cautelare, è, allo stato, solamente indiziato di delitto, e la sua posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza.

AMASENO (Fr): Arrestato 45enne; deve espiare una pena residua di mesi 5 di reclusione agli arresti domiciliari.

I Carabinieri della Stazione di Amaseno (Fr) hanno proceduto all’arresto di un 45enne del luogo, noto alle forze dell’ordine, in esecuzione di ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali di Frosinone.

I militari rintracciata la persona  hanno proceduto alla notifica del provvedimento di carcerazione  che dispone l’espiazione della una pena residua  di mesi 5 e giorni 29 di reclusione  in regime di detenzione domiciliare,  per i reati di  danneggiamento, lesioni e minacce, fatti commessi in Amaseno nell’anno 2018.

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato condotto presso la sua abitazione come disposto dall’‘Autorità Giudiziaria.

AMASENO (Fr): Straniero colpito da misura cautelare rintracciato dai Carabinieri di Amaseno.

I Carabinieri della Stazione di Amaseno (FR), nei giorni scorsi,  hanno dato esecuzione  a carico di un cittadino straniero della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria emessa dal Tribunale di Perugia il 30 agosto 2023.

I Militari, nel corso di predisposti servizi per contrastare i reati predatori, in orario serale,  procedevano al controllo di un 31enne, originario del Marocco, che risultava colpito dalla misura cautelare sin da mese di agosto, poiché indagato per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti in Umbria.

Dopo le formalità di rito, la compiuta identificazione  e la notifica del provvedimento cautelare, il soggetto è stato sottoposto all’obbligo della presentazione presso la Stazione Carabinieri di Amaseno, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

AMASENO (FR): Rinvenuti 360 gr. marijuana e 40 gr. di hashish; arrestato 33enne per spaccio di stupefacenti.

I Carabinieri della Stazione di Amaseno (FR), nella serata del 15 novembre u.s., hanno tratto in arresto in flagranza di reato per “detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio” un 33enne di Amaseno, con precedenti di polizia. I militari, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, dopo un prolungato servizio di osservazione,  facevano accesso nell’abitazione occupata dal  predetto, rinvenendo, a seguito di perquisizione domiciliare,  g. 360,00 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, g. 40,00  di  hashish,  materiale per il confezionamento e la somma di euro 1050,00 , ritenuta provento di spaccio.

L’arrestato dopo le formalità di rito e secondo quanto disposto dalla Procura di  Frosinone è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida. Nella mattinata odierna il GIP del Tribunale di Frosinone, dopo aver convalidato la misura disposta dai Carabinieri,  ha applicato all’indagato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

È obbligo rilevare che l’indagato, destinatario della misura  cautelare, è, allo stato, solamente indiziato di delitto, e la  sua  posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza

AMASENO (Fr): Arrestato un 41enne,  deve espiare una pena di mesi 11 di reclusione per spaccio di stupefacenti.

Nel pomeriggio di ieri,   i Carabinieri della Stazione di Amaseno (Fr), hanno proceduto, in quel centro,  all’arresto di un 41enne del luogo,  noto alle forze  di polizia,  gravato da vari pregiudizi per reati  contro il patrimonio ed inerenti gli stupefacenti.

I militari, rintracciata la persona, hanno dato esecuzione al provvedimento di carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone,  dovendo l’arrestato scontare la pena di mesi 11 e giorni 24 di reclusione,  essendo stato condannato per  reati inerenti la disciplina degli stupefacenti, delitti  commessi in Frosinone negli anni 2018 e 2019.

Al termine delle formalità di rito,  è stato condotto presso la propria abitazione, ove trascorrerà i prossimi mesi  agli arresti domiciliari  per l’espiazione della pena,  come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Verified by MonsterInsights